fbpx

Se l’io empirico tradisce, l’io spirituale ama

Il tradimento appartiene alle memorie più antiche del genere umano. Prendiamo ad esempio la narrazione biblica del tradimento di Lucifero (“portatore di luce”) che è l’emblema del tradimento sul piano più alto, quello del “Regno dei Cieli”. 

Lucifero era un angelo dotato di radiosa bellezza, il più splendente e il più vicino a Dio, a Cui si ribellò peccando di superbia. Trasformandosi in Satana, “l’avversario”, colui che tenta gli uomini con la superbia e l’invidia, causandone l’allontanamento da Dio e dal Bene - l’Amore -  e ogni manifestazione divina. Lucifero e gli angeli ribelli caddero all’Inferno per aver tradito, ancor prima che gli uomini apparissero sulla terra. 

In chiave metaforica, l’uomo dotato di libero arbitrio può scegliere se essere fedele ai propri valori e ideali e dirigersi verso il bene, praticandolo, o se abbandonarlo per realizzare il male e tradendo, innanzitutto, se stesso e la propria natura divina. Lealtà e fedeltà sono indirizzate al bene: alla verità, alla giustizia, all’Amore, alla libertà inseparabilmente ad esso collegate. Gli uomini realizzano il male attraverso i loro atti devianti dal Dharma, dalla Legge di Dio, conseguenza di desideri, sentimenti e pensieri che coltivano e che, che in alcune circostanze, si presentano sotto forma di tradimento.

Il tradimento è un fenomeno sociale da prendere in seria considerazione; è un evento traumatizzante e può segnare per il resto della vita chi l’ha subito, ma anche chi lo ha inferto. 

Chi tradisce, inganna innanzi tutto se stesso, venendo meno ai valori cui aveva aderito e a quanto edificato su di essi. Il tradimento ha una portata debilitante e può avvenire tra coniugi, fratelli, amici, soci, colleghi; si può tradire la fiducia di coloro che ripongono nel soggetto traditore una stima esagerata, che gli affidano ruoli di responsabilità sul lavoro, nella società e in famiglia, addirittura investendo in chi è incline al tradimento la propria affettività. Si possono tradire la patria e gli ideali in cui si crede, sino a tradire Dio, come Giuda e Lucifero fecero secondo la tradizione cristiana, o a sfidarlo, come fece l’asura Hiranyakashipu nei confronti di Shri Vishnu, secondo la  narrazione del Bhagavata Purana

Le antiche scritture ci rivelano che l'egoismo, espresso nelle modalità  superbia e dell’orgoglio é la prima causa del tradimento.

Come ogni grande prova della vita, la predisposizione con cui affrontare l’accaduto è fondamentale per superarlo, diventando occasione di trasformazione ed evoluzione interiore. Il tradimento è sempre un evento traumatico, nella coppia è la rottura di un patto, di un equilibrio e di  una prospettiva progettuale condivisa, di un accordo fondato su di un sogno comune che aveva comportato sino quel momento un investimento materiale e affettivo, dove lealtà e fiducia avrebbero dovuto essere i presupposti per la sua realizzazione. Infatti, tanto più si è investito in termini di sentimento, tanto più grande è la sofferenza per chi subisce il tradimento.

Il più delle volte la persona tradita sperimenta un profondo senso di insicurezza, di disistima di sé, sente la sua identità vacillare e diviene incerta sulla propria capacità di essere amata e amare.

Questo momento di crisi può essere l'occasione di una profonda crescita, addirittura di un approfondimento spirituale per conoscere meglio se stessi, per comprendere ed elaborare il fenomeno e poter approdare all'autentico perdono.

Un perdono è ben altra cosa dal fingere che nulla sia accaduto. Che il traditore sia o meno pentito, poco cambia rispetto al senso di libertà che vive chi sa perdonare davvero. Possiamo trasformare il rancore, la rabbia, la ricerca di vendetta vivendo da innamorati della vita evolutiva. Il perdono può favorire lo scioglimento di ogni sofferenza, andando oltre alla situazione, guardando avanti con maturità e consapevolezza, realizzando il significato di vero amore.

La vittima può allora chiedersi: 

Chi è stato davvero tradito? E’ stato a tradito il patto e le promesse fatte. Io non sono quel patto, non sono quelle promesse; ancor prima che danneggiare me, lui/lei è vittima di se stesso. Io posso scegliere se compiangermi o se lasciare andare il passato per aprirmi ad un presente migliore, fondato sulla veridicità e lealtà, circondandomi di persone autentiche.

Questa capacità di reagire in maniera costruttiva, rimarginando le ferite emotive e guardando avanti con fiducia alla vita, è possibile nel momento in cui riconosciamo la differenza tra Realtà e apparenza. Antiche scritture come le Upanishad e la Bhagavad-gita ci rivelano che la Realtà sta all’Io metafisico, come l’illusione sta all’Io empirico.

La nostra personalità storica può sentirsi offesa, mentre l’anima osserva imperturbata, contemplando una realtà superiore.

Il valore di un’esperienza non dipende dall’evento in sé, ma da come lo viviamo e dal nostro livello di coscienza, scoprendo che la compassione è una risorsa psicologica e spirituale, un punto di forza interiore e la misura della nostra capacità di provare Amore.

Ogni esperienza in questo mondo terreno, anche la più traumatica, ci offre l’opportunità di imparare a osservare il mondo da una nuova prospettiva e vivere con sentimento di gratitudine, realizzando che sul piano dell’anima non esiste un dolore o sofferenza che non si possa trasformare in felicità. Per compiere questa trasformazione alchemica necessitiamo anzitutto  di riappacificarci con Dio e con noi stessi a livello spirituale.

Marco Ferrini