Corona virus, COVID-19

Ricerca la gioia e conserva l’equilibrionon sottovalutare il pericolo ma non lasciarti spaventare.

Il mio Maestro era solito dire: la paura è figlia dell’ignoranza.

Nel caso del corona virus, COVID-19, in che proporzione si tratta di una paura basata su fatti accuratamente accertati e quanto di un dilagante effetto psicologico?

E comunque, evitando di affrontare la paura o la fobia che sia, rifuggendole si fanno crescere. 
In queste poche righe, per praticità, da qui innanzi mi riferisco ad entrambe col nome generico di “paura”. 
Con la crescita della paura diminuisce la nostra capacità di discernere e l’efficacia del nostro sistema immunitario
La paura rende intolleranti e aggressivi, per cui dopo aver rovinato la nostra salute biologica, quella psicologica e sociale distrugge anche le nostre relazioni che costituiscono il patrimonio più importante sia materiale che spirituale. 
Anche la solitudine è una delle conseguenze della paura.
Conservare un distacco emotivo rispetto a ciò che sta accadendo, muoversi con calma e prudenza, approfondire la causa delle nostre paure, studiare accuratamente il complesso fenomeno che le genera perché ciò consente di affrontare ogni circostanza della vita con maggiori possibilità di riuscita e minore sofferenza.
Inoltre, distinguere bene tra ciò che è nostro potere e ciò che non lo è consente: sul primo praticamente tutto, quindi possiamo decidere noi come vogliamo sentirci;
sul secondo, poiché possiamo fare ben poco, angustiarsi serve soltanto ad aumentare la sofferenza nostra e altrui, oltre che allontanare le possibilità di soluzione.
Manteniamo dunque la calma, la prudenza e la memoria, ricordando che ogni crisi, oltre ad essere temporanea, porta seco preziose opportunità: quanto grande è la crisi, così lo è l’opportunità evolutiva che offre a chi sa coglierla.

Le agenzie d’informazione non fanno che parlare del corona virus COVID-19, ma lo fanno in maniera così contraddittoria da confondere. Per non lasciarsi suggestionare, piuttosto che concentrarsi sul virus pensiamo a come mantenerci in salute fisica, psicologica e soprattutto spirituale
Mangiamo moderatamente, dormiamo serenamente, assolviamo a tutti i nostri doveri sociali e arricchiamo ogni nostra giornata con la pratica della meditazione, la quale ci può rivelare la nostra natura di eternità.

Vedi Bhagavad-gita, II.20-22: l’essere è eterno, la nascita e la morte riguardano solo i corpi samsarici che indossa.

Marco Ferrini